La Fondazione Senza Frontiere sempre a fianco del popolo Brasiliano

CLICCA QUI

Quotidiano di informazione economica e fiscale

 
GESTIONE D'IMPRESA 15/10/2020

Incentivi del Decreto Agosto dopo la conversione

Tra le novità, il rafforzamento del credito locazione per le strutture turistiche e ulteriori fondi per il bonus sanificazione, che sale intorno al 45%.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del Decreto Agosto, che prevede alcune misure agevolative per le imprese. Vediamo le principali.
Contributo a fondo perduto per la filiera della ristorazione - Estensione del beneficio ai codici Ateco 56.10.12 (attività di ristorazione connesse alle aziende agricole), 56.21.00 (catering per eventi, banqueting), 56.29.20 (catering continuativo su base contrattuale) e, limitatamente alle attività autorizzate alla somministrazione di cibo, 55.10.00 (alberghi).
Il contributo a fondo perduto è relativo all’acquisto di prodotti, inclusi quelli vitivinicoli, di filiere agricole e alimentari, anche DOP e IGP, valorizzando la materia prima di territorio.
Credito d’imposta per i canoni di locazione: novità per il settore turistico ricettivo - Per le imprese turistico ricettive il credito d’imposta viene prorogato fino al 31.12.2020: con questa modifica il bonus è riconosciuto per l’affitto dei mesi da aprile fino a dicembre. Ammessi sia il contratto di locazione dell’immobile che quello di affitto d’azienda; per quest’ultimo la percentuale di credito d’imposta sale al 50% (prima 30%).
Credito d’imposta sanificazione e DPI - Previsto l’incremento della dotazione finanziaria di 403 milioni di Euro, permettendo così un aumento della percentuale del credito spettante ai soggetti che hanno presentato domanda entro lo scorso 7.09.2020. Il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate 11.09.2020 ha stabilito che l’ammontare massimo del credito d’imposta utilizzabile è pari al 15,6423% della somma richiesta; grazie al rifinanziamento, la percentuale ora spettante potrebbe salire oltre il 45%.
Contemporaneamente viene abrogato l’intervento previsto dall’art. 95, cc. da 1 a 6 del decreto Rilancio, che prevedeva contributi a fondo perduto (da 15.000 a 100.000 Euro) per gli investimenti finalizzati alla riduzione del rischio contagio nei luoghi di lavoro.
Avvio di nuove imprese under 30 - Per i giovani under 30 che intendono avviare nuove imprese, in tutti i settori produttivi, dei servizi e delle professioni, sono previste semplificazioni burocratico-amministrative. Per la definizione e l’adozione delle misure si deve aspettare il decreto Mise di concerto con il Mef.
Garanzia SACE - Estensione della garanzia alle imprese ammesse alla procedura del concordato con continuità aziendale che hanno stipulato accordi di ristrutturazione dei debiti o hanno presentato un piano di risanamento, a condizione che alla data di presentazione della domanda le loro esposizioni non siano classificabili come esposizioni deteriorate, non presentino importi in arretrato e il soggetto finanziatore, sulla base dell'analisi della situazione finanziaria del debitore, possa ragionevolmente presumere il rimborso integrale dell'esposizione alla scadenza.